I proverbi e i detti popolari sono brevi espressioni lessicali che rappresentano avvertimenti tratti dall’esperienza collettiva. Un modo antico di esprimere attraverso la metafora un consiglio, una massima. I proverbi hanno un’origine antica e popolare e vengono tramandati nel tempo dalle varie generazioni.

Hanno quasi sempre una struttura ritmica precisa, in rime e assonanze che ne facilitano la memorizzazione oralmente.


“Su’ Calabrisi e Calabrisi sugnu, su’ canusciutu pe’ tuttu lu regnu, tandu nemicu miu, tandu m’arrendu, quandu la testa mia sàgghja a la ‘ntinna””

Eccoci anche oggi con bellissima carrellata di proverbi calabresi, con annessa traduzione per i meno pratici.

Una ricerca storica a cura di Sellia racconta il Comprensorio, un bellissimo sito dove leggere tanti interessanti articoli sulle tradizioni calabresi


Visto che siamo vicini al Natale, (nonostante il periodo incerto e difficile), eccone alcuni relativi al periodo natalizio:

  • Prima e Natala ‘nu passu e cana, de Natale in poi ‘nu passu e voi”  (prima di Natale un passo di cane, dopo Natale un passo di bue, cioè passato il Natale, la natura si rinnova e le giornate cominciano ad allungarsi)
  • A Santu Nicola ogni cavuna sona ( Per il giorno di san Nicola ogni valle risuona dal rumore dei ruscielli d’acqua)
  • Natale curi toi e a Pasqua cu chi voi” ( Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi)
  • Prima di Natale né friddu né fame, doppu Natale friddu e fame (nei giorni prima del Natale non si sente né il freddo né la fame, successivamente si avvertono i patimenti della fame e della fredda stagione)
  • Natala a ru sula, Pasqua a ru focu (Natale al sole, Pasqua davanti al fuoco).
  • Mo vene natale e nun tegnu dinari mi pigliu ‘na pipa e mi mintu a fumari (ora che arriva Natale non possiedo denaro e quindi prendo una pipa e mi metto a fumare)
  • Cu no dijuna a viglija e natali mora de scornu comu nu cani 
  • N’ta tavula e n’to u tavulino si canuscia u veru cittadinu
  •        A Natale friddu curdiale 
  • Ppe Sant’Andria ‘u bonu massaru a siminatu a via (per il giorno di Sant’Andrea il bravo contadino ha già seminato)
  •  Cu ‘ndeppa focu campau, cu ‘ndeppia pana moriu.