Eccoci anche oggi con bellissima carrellata di proverbi e detti calabresi, con annessa traduzione per i meno pratici.

Una ricerca storica a cura di Sellia racconta il Comprensorio, un bellissimo sito dove leggere tanti interessanti articoli sulle tradizioni calabresi.

A troppu cumpidenza è patruna da malacreanza
Spesso la confidenza viene scambiata per dabbenaggine

Megghiu namicu ca centu ducati

Meglio avere un amico che avere cento ducati (monete)

ppe lu pane e llu vinu si cambia u vicinu

Per cose di poco conto si perde l’amicizia con il vicino

Amore

ama a chine t’ama e rispundi a chine te chiama
Ama chi ti ama e rispondi a chi ti chiama

Amare i luntanu è cumu a l’acqua ntu panaru

Amare da lontano una persona è una cosa vana

Chine de nu vicchiu se nammura se la ciange la sventura

Chi si innamora di un vecchio si pentirà

 è fuacu sutta cinnera
E’ fuoco sotto cenere

l’amure comincia ccu lu cantu e finisce ccu lu chìantu

L’amore incomincia col canto e finisce col pianto

L’uamu gelusu more cornutu
L’uomo geloso, muore pensando che egli è cornuto

Animali

A gallina si spinna quandu è morta
Alcune cose vanno fatte al momento opportuno

A picura rugnusa mpesta tutta a mandria
La persona disonesta spesso porta alla cattiva strada anche altre

Fijjiu di gatta surici pijjiaù
Il gattino cattura i topi come la mamma (ha lo stesso carattere)

La gallinaa fattu l’uavu e allu gallu ci vruscia lu culu

La gallina fa l’uovo e al gallo gli brucia il culo

La gatta presciarola fa li figli cecati

La gatta frettolosa fa i figli ciechi

Lu lupu cambia lu pilu ma no lu vizzu

Il lupo cambia il pelo ma non il vizio

Lupu ‘un mangia lupu

Lupo non mangia lupo

Nt’ ogni mandria c’è na picura rugnusa
In ogni gruppo di persone trovi la persona che dissentisce

Perdiu e vacche e vai trovandu e corna

Ha perso le cose importanti e cerca le cose da nulla

Puarci e figli comu i mpari i truavi

I maiali e figli come li educhi c’è l’hai

Puru i pulici tenanu a tusse
Pure le pulci hanno la tosse

Quandu a gatta non c’è i surici abballanu
Quando il gatto non c’è il topo balla

Si rispetta u cane ppè la faccia du patrune
Non si picchia il cane, anche se morde per rispetto al padrone

U cane chi baia un muzzica
La persona che parla tanto non fa’ i fatti

U cane muzzica lu sciancatu
Il cane si accanisce con il disgraziato

U pisce puzza da capu
Il pesce puzza già dalla testa

U puarcu è alla muntagna e la quadara vulle
Il porco è in montagna e l’acqua già bolle

U surice dicie alla nuce :” Dammi tiempu ca’ ti cupu”
Il topo ha bisogno di tempo, ma alla fine riesce a rompere la noce!

U Vue dice curnutu allu ciuciu
Il toro chiama cornuto l’asino